Giorno: 23 marzo 2010

La spesa sociale a favore dei nuclei con bambini è all'1,1%. In Francia al 2,5%, in Germania al 3,2%

I figli costano. Ma in Italia costano più che altrove, e diventano spesso un lusso. A metterlo in evidenza è il Rapporto famiglia Cisf 2009 , secondo cui “le politiche messe in campo dall’Italia non solo non riconoscono i costi sostenuti dalla famiglia, ma penalizzano la famiglia che ha figli, e la penalizzano chi ne ha di più”. L’indagine del Centro Internazionale Studi Famiglia (Cisf) si è basata su 4 mila interviste e su un campione statisticamente rappresentativo delle famiglie italiane. Così è stato stimato che la spesa media mensile per i figli a carico è il 35,3 per cento della spesa familiare totale e rispetto all’equità fiscale verso la famiglia. Il costo mensile di mantenimento di un figlio per i soli beni indispensabili in termini assoluti per la classe di età 0-5 anni è infatti uguale a 317 euro e corrisponde a un costo di mantenimento di circa 3.800 euro annui. In media però, il costo di accrescimento di un figlio (che comprende il costo di mantenimento) è di 798 euro al mese. Le …

Possiamo vincere

L’appello al voto e l’attualità politica sono stati i principali argomenti trattati dalla trasmissione “8 e mezzo” su La7, dove Pier Luigi Bersani e il ministro Sacconi, ad una settimana dal voto, si sono “affrontati” evidenziando notevoli differenze nel modo di concepire il bene dell’Italia. La trasmissione, condotta da Lilli Gruber, è stata introdotta da un primo commento sulle dichiarazioni del presidente della Cei, il cardinale Angelo Bagnasco che esprimeva la posizione della Chiesa sull’aborto. Un appello molto forte con cui Bagnasco ribadiva l’intransigenza clericale anti-abortista nel seggio elettorale. Una provocazione nei confronti dei due candidati del centrosinistra, Mercedes Bresso in Piemonte e Emma Bonino nel Lazio? “Non penso che dai vescovi sia arrivato un appello elettorale, ma i vescovi hanno ribadito le loro posizioni che vanno rispettate, anche se non sono condivise” ha risposto Bersani puntualizzando come non intravedesse nessuna lettura in chiave elettoralistica nelle parole del cardinale Bagnasco. Quindi nessuna scelta contro le due candidate ma la conferma di una posizione tradizionale e ben radicata nella cultura cattolica. “Hanno sottolineato un grande tema …

"Il guaritore", di Massimo Gramellini

L’altra sera, girovagando fra i canali, mi sono imbattuto in un volto ispirato che, dal palco di una piazza, inneggiava all’amore e urlava: entro il 2013 vogliamo vincere il cancro. Giuro, diceva proprio così. Vo-glia-mo vin-ce-re il can-cro. Non la disoccupazione. E nemmeno lo scudetto. Il cancro, «che ogni anno colpisce 250 mila italiani». Sulle prime ho sperato fosse il portavoce del professor Veronesi e ci stesse annunciando uno scoop mondiale. Così ho telefonato a uno dei 250 mila, un caro amico che combatte con coraggio la sua battaglia, e gli ho dato la grande notizia. Come no?, ha risposto, adesso però ti devo lasciare perché sono a cena con Vanna Marchi. Ho degli amici molto spiritosi. Mi auguro che tutti i malati e i loro parenti la prendano allo stesso modo. E anche tutti i medici che in ogni angolo del pianeta si impegnano per raggiungere quell’obiettivo. In Italia con qualche problema in più, dato che il governo che entro tre anni intende vincere il cancro ha ridotto i fondi per la ricerca scientifica. …

PD deputati in piazza "A destra si soffoca, proposte solo da noi"

A tu per tu con i parlamentari del Pd, oggi in piazza Grande dalle 17. Manuela Ghizzoni, Ricardo Franco Levi, Giulio Santagata e Ivano Miglioli incontreranno i cittadini, e si confronteranno con loro sul lavoro che hanno svolto in questi anni, sul territorio e sulla democrazia. Già ieri gli onorevoli del Partito Democratico hanno fatto un bilancio degli ultimi due anni, marcando le differenze con i loro colleghi dell’opposizione. «Anche se fanno parte della maggioranza hanno detto sono delle vittime. Devono solo ratificare gli ordini che arrivano dall’alto». «Il giuramento di fedeltà a Berlusconi – ha detto Ricardo Franco Levi – è lo stravolgimento del sistema democratico». Duro anche Giuliano Barbolini che provoca: «I parlamentari modenesi della maggioranza dovrebbero dimostrare più amore per questo territorio». Sulla stessa lunghezza d’onda Ivano Miglioli che se la prende con il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Carlo Giovanardi: «Con la battaglia per il gas a Rivara ha dimostrato di non rispettare l’autonomia locale». Critiche accese anche dalla deputata Manuela Ghizzoni e da Giulio Santagata, che attaccano: «Solo i parlamentari …

"Tecnici, figli di un dio minore", di Alessandra Ricciardi

Il 26 marzo prossimo scade il termine per le iscrizioni: i genitori devono decidere al buio. Anche questa volta ultimi. Gli studenti di terza media che il prossimo anno si iscriveranno agli istituti tecnici riformati (c’è tempo fino a venerdì prossimo 26 marzo), stesso discorso vale per i professionali, e gli insegnanti che lavorano in questo stesso livello di istruzione, e che devono fare la scelta dei nuovi libri di testo da far adottare, navigano al buio. A differenza di quanto succede nei licei, per loro di programmi neanche a parlarne. Le indicazioni nazionali che delineano i nuovi saperi della scuola superiore targata Gelmini, e pubblicati dalla scorsa settimana sul sito dell’Indire, valgono infatti solo per i percorsi liceali. Si tratta di indicazioni importanti, perché definiscono il nucleo di saperi e la loro scansione temporale da cui scaturiranno le conoscenze fondamentali che gli studenti dovranno possedere al termine del percorso di studi. Eppure la commissione preposta alla definizione dei programmi per i tecnici aveva iniziato il suo lavoro prima di quella che poi si è …

Bersani: dalle regionali mi aspetto una brusca letterina a Berlusconi…

Berlusconi rifiuta il confronto televisivo, perchè «è in difficoltà ad affrontare i problemi reali dei cittadini e a confrontarsi su questi». Lo ha detto il segretario del Pd, Pier Luigi Bersani, incontrando i cittadini del XV municipio di Roma, nella zona di Viale Marconi. Interpellato dai cronisti sul mancato confronto televisivo, Bersani ha risposto: «Penso che sarebbe stato utilissimo se, in modo fermo ma civile, ci si fosse confrontati davanti agli italiani, per mostrare a loro che conosciamo i problemi e per presentare le nostre proposte. Non può essere – ha aggiunto – che ci si parli sempre da comizio a comizio; però registro che questo è il modo di fare di Berlusconi». «Credo – ha proseguito il segretario del Pd – che abbia difficoltà ad affrontare i problemi reali e a confrontarsi su questi, e penso anche che abbia un’attitudine di fondo, nel concepire la politica come un eterno comizio». «Tira un’aria buona, credo che siamo nelle condizioni di aspettarci che gli elettori mandino una letterina un pò brusca a questo governo, a questa …

"Tempi duri per gli adulti. Ecco come la riforma delle superiori si completa di un nuovo tassello, nel prossimo anno salterà il 35% dei docenti", di Nicola Colajanni

In questi giorni alle camere è stato presentato per il prescritto parere lo schema di regolamento riguardante il riordino dell’educazione degli adulti. Il decreto prende le mosse dalla politica di riduzione della spesa per l’istruzione prevista dall’art.64 della legge 133/08 e dall’art. 1, comma 632, della legge n. 296 del 2006 che prevedeva, sicuramente con altre intenzioni rispetto allo sviluppo delle attività, un riordino su base provinciale del sistema fino ad oggi in atto. Come è capitato per i regolamenti su elementari, medie e licei, per comprendere qualche cosa delle finalità e degli effetti della cosiddetta riforma anche per questo provvedimento occorre fare i conti con le cifre. Al momento non è neppure certa la reale esistenza delle 150 istituzioni scolastiche autonome che dovrebbero insediarsi sul territorio nazionale. Infatti la loro creazione é condizionata al venir meno di altrettante unità di scuola autonome in aggiunta alle 350 che il nostro ordinamento dovrebbe perdere in virtù della razionalizzazione della rete il prossimo anno scolastico. Gli iscritti Occorre quindi valutare quanti soggetti sono stati accolti nel sistema …