scuola | formazione

Carenze di Dirigenti scolastici: l’On. Manuela Ghizzoni, capogruppo del PD in commissione Istruzione alla Camera, in un’interrogazione al Ministro Gelmini chiede la nomina di nuovi Presidi e lancia l’allarme sugli organici

“In Provincia di Modena l’anno prossimo avremo 56 scuole con dirigenti scolastici costretti a correre da una sede all’altra. Carenze di organico anche nell’Unione Terre d’Argine, con 4 scuole a mezzo servizio”. “Il prossimo anno scolastico in provincia di Modena 28 Presidi saranno costretti a svolgere le loro funzioni su più direzioni scolastiche, correndo da una scuola all’altra – lancia l’allarme Manuela Ghizzoni, capogruppo del PD in commissione Istruzione alla Camera, che ha presentato una interrogazione al ministro Gelmini per chiedere la nomina di nuovi Dirigenti scolastici – complessivamente saranno 56 le scuole modenesi e 330 quelle della Regione Emilia Romagna che rischiano di avere un Dirigente Scolastico a mezzo-servizio”.

L’interrogazione, prima firmataria la deputata carpigiana Manuela Ghizzoni, è stata sottoscritta anche dagli altri deputati del PD regionale. I parlamentari hanno chiesto al Ministro Gelmini tempi e modalità del concorso che dovrebbe nominare i nuovi Dirigenti. I ritardi del concorso, atteso ormai da alcuni anni, stanno producendo una situazione insostenibile, nonostante il generoso impegno dei presidi.

“Per quanto riguarda l’Unione Terre d’Argine, ci saranno ben quattro istituzioni scolastiche nelle quali i dirigenti dovranno affrontare un carico di lavoro oneroso, correndo da una scuola all’altra. La carenza di Dirigenti scolastici – sottolinea Ghizzoni – certamente non aiuta il buon funzionamento delle autonomie scolastiche, costrette a uno stato di sofferenza gestionale ed istituzionale, con presidi impegnati su più sedi. Una situazione che certamente i tagli di organici dei docenti contribuiscono ad aggravare”.
“A Modena, su 95 istituzioni scolastiche, 22 sono prive di dirigenti e il prossimo anno altri 6 dirigenti andranno in pensione – spiega la deputata del PD – il Governo prosegue così il suo miope disegno di smantellamento della scuola pubblica, ma se errare è umano, perseverare è diabolico”.

1 Commento

  1. Marco dice

    L’anno prossimo io non avrò neppure una scuola, sono contento per i dirigenti pendolari: forse ora capiranno che cosa significa essere obbligati a trasferte repentine di chilometri e chilometri, facendo i conti con strade dissestate, frane e allagamenti.

I commenti sono chiusi.