attualità, economia, partito democratico, politica italiana

Crisi: Bersani: Tremonti dica chi paga in anticipo la manovra

Noi responsabili con le nostre proposte. Se non si risolve il problema politico, sarà uno sforzo inutile

Se vuol conservare la manovra anticipandola, Tremonti non pensi di uscire dalle Commissioni parlamentari senza uscire dalle nebbie, senza dire cioè dove precisamente e a carico di chi e di che cosa intende ricavare decine di miliardi dall’assistenza e dalla manovra sul fisco e detrazioni.

Ci dovrà anche dire quanto pagherà, di questa manovra, chi ha un reddito medio basso o chi ha bisogno dei servizi, e quanto pagherà chi ha redditi, patrimonio e ricchezza paragonabili, per fare solo un esempio, a quelli del Presidente del Consiglio. Dovrà anche dire se davvero dovremo affidare le speranze di crescita alla prospettiva filosofica di un nuovo art. 41 della Costituzione sulla libertà d’impresa o se finalmente non sia il caso di qualche scelta più concreta.
Noi saremo nelle Commissioni con le nostre proposte sul controllo della spesa pubblica, sulle misure fiscali, sulla semplificazione delle strutture pubbliche, sulle liberalizzazioni e così via.
Lo faremo responsabilmente ma tenendo ferma la nostra convinzione, condivisa tra l’altro dai più grandi giornali del mondo: in Italia c’è un problema politico. Quel problema, se non risolto, brucerà via via qualsiasi sforzo che gli italiani faranno.

da www.partitodemocratico.it

1 Commento

  1. Nessuno ha ancora preso in considerazione un disegno di legge che porterebbe dai 3 ai 4 miliardi di euro l’anno alle casse dello Stato. Certo bisognerebbe metter da parte l’ipocrisia, ma forse il momento è arrivato: tassa alle “operatrici ed operatori” del sesso. Dalle escorti di classe alle donne da strada, dai trans agli accompagnatori etcetc.! Come si fa in Francia d’altronde. Non è meglio togliere il 20% del guadagno ad una prostituta che ad un operaio con due figli a carico? La risposta dovrebbe essere logica. Già la logica: roba rara che non appartiene ai politici italiani!

I commenti sono chiusi.