attualità, pari opportunità | diritti

“Berlusconi non denunci Repubblica, ci denunci tutti.” Telefonata di solidarietà di Franceschini al direttore di Repubblica

“Non denunci solo Repubblica, ci denunci tutti” Il segretario del Pd ha espresso solidarietà a Ezio Mauro. A settembre mobilitazione per la libertà di stampa. Il segretario del Partito democratico Dario Franceschini ha telefonato al direttore di Repubblica, Ezio Mauro, per esprimergli la solidarietà di tutto il Pd e sua personale davanti all’incredibile azione giudiziaria del premier contro il suo giornale. “E’ chiaro che ci troviamo di fronte ad una indegna strategia di intimidazione nei confronti di un singolo giornale, dell’opposizione e di chiunque difenda i principi di un paese libero che non ha precedenti in nessuna democrazia e che è anche un segno di paura e di declino. Il presidente del consiglio non denunci solo Repubblica, ci denunci tutto. Ribadisco che settembre dovrà essere il mese di una grande mobilitazione, al di là dei colori politici, per la difesa della libertà di stampa e del diritto all’informazione” – lo dichiara Dario Franceschini.

1 Commento

  1. La liberta’ di stampa e’ dovere della politica
    Piero Fassino commenta la decisione del presidente del Consiglio di querelare ‘Repubblica’.
    “Rispettare la liberta’ di stampa e la funzione critica dell’informazione e’ un dovere di chiunque ricopra incarichi politici e istituzionali, tanto piu’ se di massima responsabilita”. Cosi’ Piero Fassino ha commentato la decisione del presidente del Consiglio di querelare ‘Repubblica’.
    “I cittadini certamente non apprezzano chi invece non si sottrae alla tentazione di condizionare, controllare o addirittura intimidire giornali e giornalisti”. Lo ha dichiarato Piero Fassino.

I commenti sono chiusi.