partito democratico

Afghanistan, il PD vicino alle famiglie delle vittime

A seguito dell’attentato kamikaze che ha interrotto le vite di sei militari italiani in missione di pace a Kabul e ne ha ferito altri quattro, il PD si stringe attorno alle famiglie delle vittime ed invita alla solidarietà tutto il Paese.
Due veicoli militari italiani sono stati colpiti da un attentato kamikaze. Secondo l’inviato della Tv araba ‘al-Jazeera’, il giornalista Waliullah Shahin, presente, il kamikaze è entrato in azione nel quartiere diplomatico di Kabul, lungo la strada che porta verso l’aeroporto. L’attentato è stato rivendicato dalle forze talebane.

È il secondo peggiore attacchi dopo i militari italiani in Afghanistan dopo la strage di Nassiriya che il 12 novembre 2003 provoco 28 morti di cui 19 italiani. La seduta in corso al senato è stata immediatamente interrotta. Il ministro della Difesa La Russa ha confermato nall’aula la perdita di sei vite umane, sei soldati del 186/esima Reggimento Fanteria della Folgore che erano di stanza a Kabul. I dieci soldati italiani hanno tutti subito conseguenze dallo scoppio: sei hanno perso la vita, quattro sono rimasti feriti gravemente. Le prime notizie mi dicono che non versano in pericolo di vita, ma queste notizie devono naturalmente essere ancora confermate”.

“Sono profondamente colpito dalle notizie che ci arrivano da Kabul. Davanti all’attacco ai militari italiani in missione di pace in Afghanistan, l’uccisione di sei uomini e il ferimento di altri ci colpiscono duramente: la nostra prima reazione è un sentimento di dolore e di solidarietà. Siamo vicini alle famiglie dei militari uccisi e esprimiamo a tutti i soldati e ufficiali italiani che partecipano alle missioni italiane all’estero la vicinanza e la solidarietà mia e di tutto il Partito democratico”. Questa è stata la prima dichiarazione Dario Franceschini, segretario del Partito democratico, alla notizia del tragico attentato.

Pier Luigi Bersani esprime parole “di cordoglio per le vittime, solidarieta’ per le famiglie, manifestazioni di affetto e sostegno ai nostri giovani, di augurio ai feriti”. A margine di un seminario degli ecologisti
del Pd, il candidato alla segreteria commenta l’attentato di Kabul in cui sono morti sei militari italiani spiegando che “il nostro paese deve stringersi tutto quanto intorno a questa vicenda. Di tutto il resto discuteremo in Parlamento oggi e’ il momento del cordoglio”.

“Dopo le notizie tragiche che arrivano da Kabul sull’attacco kamikaze ai nostri soldati, il primo pensiero va alle famiglie delle vittime. Vogliamo far sentire la solidarieta’ e la vicinanza di tutti noi ai nostri coraggiosi ragazzi che sono presenti in importanti missioni militari all’estero”. Lo ha dichiarato il candidato alla segreteria del Pd Ignazio Marino. “Non è certo questa l’ora – ha aggiunto – di polemizzare con il governo e tuttavia abbiamo il dovere di chiedere conto di quello sta succedendo. Sono cambiate e stanno cambiando le condizioni per la nostra presenza in Afghanistan? E soprattutto è cambiato il senso e lo spirito della missione? E che livelli di sicurezza siamo in grado di garantire ai nostri soldati? L’articolo 11 della Costituzione è chiaro: l’Italia non partecipa a guerre”.

“Profondo dolore per un attentato vile e atroce”. Così Piero Fassino, responsabile politica estera del Pd, ha espresso il cordoglio per il gravissimo attentato di Kabul. “Ci stringiamo – ha ancora detto Fassino – intorno alle famiglie in queste ore tremende e siamo vicini alle forze armate per il tributo di sangue pagato ancora una volta per affermare le ragioni della pace”.

“Esprimiamo profondo dolore per la morte dei soldati italiani nell’attacco kamikaze avvenuto oggi in Afghanistan contro mezzi del nostro contingente. Ci stringiamo alle loro famiglie e a tutti i soldati italiani impegnati nella missione Isaf, in attesa di avere altre notizie”. Così la senatrice Roberta Pinotti, responsabile nazionale Difesa del Pd.

“A nome di tutti i deputati del gruppo del Pd esprimo profondo cordoglio per la morte dei nostri soldati uccisi oggi in un vile attentato terroristico a Kabul”. Così il presidente del gruppo del Pd, Antonello Soro, che aggiunge: “in questo momento di grande tristezza desidero inoltre esprimere la nostra vicinanza e solidarietà a tutti i familiari e rivolgere un pensiero d’affetto e riconoscenza a tutti i militari che stanno operando nell’area con grande responsabilità per favorire la nascita della democrazia afgana”.

Il senatore Vincenzo Vita afferma: “La tragedia che ha colpito i militari italiani in Afghanistan provoca immenso dolore. In queste ore è fondamentale stringersi nel cordoglio a tutti i familiari delle vittime. Purtroppo quest’ultima terribile vicenda si inscrive in una situazione in via di peggioramento in quello scacchiere tanto delicato. E’ doveroso, anche per evitare il ripetersi di simili accadimenti, ripensare la politica italiana su tale questione.”

“Mentre sull’attacco di Kabul attendiamo con trepidazione le doverose informazioni da parte del governo, una cosa sola è fuori discussione: tutto il Paese è unito attorno ai nostri soldati, al loro coraggio, all’ansia e al dolore delle loro famiglie. Del resto parleremo dopo, essendo chiaro che troppe sono le cose delle quali dobbiamo discutere”. Lo ha affermato Arturo Parisi del Pd, ex ministro della Difesa.

“Le notizie che arrivano da Kabul ci addolorano profondamente e ci fanno stringere ai familiari dei nostri militari che hanno perso la vita in una difficilissima missione voluta e gestita dalle Nazioni Unite. Questo non è il momento dei distinguo, ma quello del cordoglio e della solidarietà alle Forze armate italiane per il tributo di sangue pagato per affermare le ragioni della pace”. Lo ha detto Marina Sereni, vicepresidente dei deputati PD commentando l’attentato contro le truppe italiane in Afghanistan.

“Con sgomento apprendo le terribili notizie che giungono dall’Afghanistan. In questo momento di commozione collettiva il mio pensiero va ai familiari dei sei ragazzi italiani che oggi hanno perso la vita. Sono loro vicino. Partecipo all’immenso dolore che le parole non sono in grado di esprimere. L’Italia piange queste giovani vittime, cadute lontano dalla patria per sconfiggere il terrorismo e aiutare la ricostruzione civile e democratica dell’Afghanistan. Rivolgo un augurio di pronta guarigione ai militari rimasti feriti”. Così il Vice Presidente del Senato Vannino Chiti.

A.Dra per www.partitodemocratico.it

1 Commento

  1. Kabul,il cordoglio dei parlamentari del Pd di Modena
    I parlamentari Giuliano Barbolini, Mariangela Bastico, Manuela Ghizzoni. Ricardo Franco Levi, Ivano Miglioli e Giulio Santagata hanno inviato un messaggio al generale Bernardini.

    Appresa la notizia della morte dei sei soldati italiani a seguito dell’attentato avvenuto oggi a Kabul i parlamentari modenesi del Pd hanno inviato un messaggio di cordoglio al generale Roberto Bernardini, comandante dell’Accademia militare di Modena

    “E’ con sconcerto e dolore che apprendiamo la notizia della morte di sei militari italiani, ragazzi impegnati nella missione di pace a Kabul. Come parlamentari del Partito democratico di Modena esprimiamo il nostro cordoglio e la nostra vicinanza alle famiglie delle vittime e dei militari feriti nell’attentato di oggi. Allo stesso tempo porgiamo le nostre condoglianze a Lei e a tutti i militari italiani, impegnati nel nostro Paese e all’estero, che sono stati colpiti da questa tragedia e che continuano a svolgere la loro missione di soldati dell’esercito italiano”.

I commenti sono chiusi.