scuola | formazione

"Riforma dell'istruzione, riordino con posti a rischio", di Gianni Trovati

Una riforma per innovare, ma anche per alleggerire organici e costi di una macchina scolastica accusata di inefficienza.
Tra rivisitazione degli ordinamenti, riduzione degli orari e tagli delle compresenze, le scuole superiori mettono sul piatto anni 15.300 dei 45.300 posti che gli organici della scuola perderanno per strada nei prossimi tre anni. I primi 27mila (11.300 alle superiori) se ne andranno a settembre; il resto verrà dai primi due cicli di istruzione (con la rimodulazione di orari e tempo pieno) e dall’accorpamento delle classi, imposto a tutti gli ordini dalla manovra dell’estate 2008.

Quando tutti questi provvedimenti concentrici andranno a regime sarà l’autunno del 2014, le forze in campo per l’avvio del nuovo anno scolastico conteranno in tutto 88.538 cattedre e 700 scrivanie da dirigente in meno rispetto a oggi, e saranno anche più leggere (1.838 posti in meno) rispetto agli obiettivi definiti dal governo nell’estate di due anni fa.

La realtà, poi, potrebbe aggiungere qualche limatura ulteriore, perché i numeri calcolati dai tecnici dell’esecutivo in occasione della nuova riforma partono dal presupposto che il numero di iscrizioni a scuola rimanga costante: una stima giudicata piuttosto ottimista dalle stesse relazioni tecniche. Tradotti in euro, i meccanismi introdotti dalla riforma degli ordinamenti porteranno a risparmiare in tre anni quasi 330 milioni di euro di stipendi: il contributo più generoso sarà quello offerto dall’istruzione tecnica (83 milioni il primo anno, 180 il terzo), seguito da quello di licei (85 milioni dopo tre anni) e dall’istruzione professionale (61 milioni). Con il nuovo organico alleggerito, le scuole dovranno anche far funzionare la quota di orario “autonomo” loro assegnato (in media il 20% al primo anno, in crescita fino al 35% nel corso dei curricula) e gli insegnamenti opzionali consentiti dai vari ordinamenti riformati.

Come accennato, la dieta prescritta alla scuola è composta da diversi piatti, ma il più immediato è la sforbiciata a orari che le sperimentazioni avviate negli ultimi anni hanno gonfiato in modo spesso potente. Il liceo linguistico, per esempio, secondo i calcoli ministeriali prevede oggi in media tabelle del primo anno da 36 ore, mentre le magistrali quinquennali che trovano il loro erede nel nuovo liceo delle «scienze umane» tengono oggi sui banchi i propri studenti delle prime classi per 35 ore alla settimana.

Dall’anno prossimo, chi si iscrive a questi licei (e anche al classico e allo scientifico) dovrà fare tutto in 27 ore alla settimana. Il taglio dei tempi entrerà in azione anche all’artistico, che al primo anno passerà dalle 38 ore di media attuali a 34.

Più articolata la situazione agli istituti tecnici e professionali, dove la rivoluzione di ordinamenti e indirizzi è più profonda; la parola d’ordine rimane la stessa ma le declinazioni cambiano. Gli istituti tecnici, per esempio, oggi arrivano in qualche caso a superare le 35 ore di media, e dovranno scendere a 32, ma per pochi indirizzi in area meccanica ed elettronica la nuova asticella offre 2 ore in più rispetto alle 30 di media attuali. Ai professionali, invece, il tetto delle 32 ore presuppone un taglio drastico, e nel caso degli istituti alberghieri dovrebbe far perdere addirittura 10 ore rispetto ai programmi attuali. Nei professionali il tetto d’orario si estende da subito al secondo e terzo anno, che dal 2010/2011 dovranno fermarsi rispettivamente a 32 e 34 ore.
Il Sole 24 Ore 08.02.10

1 Commento

  1. “Riforma fatta. 500 posti nel limbo”, di Alessandra Ricciardi
    Il Tesoro ha detto sì, ma con riserva. Perché all’appello dei tagli connessi alla riforma delle scuole superiori, licenziata la scorsa settimana dal consiglio dei ministri, mancherebbero ancora 500 cattedre, sulle 7 mila che saltano nel 2010/2011. E la Ragioneria generale dello stato, rigida tenutaria dei conti, non è disposta a fare eccezioni. Così la riforma della scuola targata Mariastella Gelmini partirà dal prossimo settembre nelle modalità che recano i suoi tre regolamenti attuativi, ma a patto che recuperi da qualche parte quelle 500 cattedre che non è riuscita a tagliare tra licei, istituti tecnici e professionali. Secondo quando risulta a ItaliaOggi, il taglio mancato potrebbe essere recuperato agendo sui centri provinciali per gli adulti, le strutture che a livello territoriale organizzano, per esempio, i corsi serali per gli studenti lavoratori. I dettagli sono ancora in corso di perfezionamento presso il dicastero di viale Trastevere. Quello che è certo è che ora che i decreti di riforma delle superiori hanno superato tutti gli scogli, quelli del Consiglio di stato e quelli delle commissioni parlamentari in primis, non ci si fermerà per una questione contabile. E nel frattempo, tutte le strutture, da quelle centrali a quelle periferiche, sono in fibrillazione perché tutto fili liscio: non solo l’Agenzia di valutazione, ex Indire, che ha già aperto il suo centro ascolto, ma anche i direttori scolastici regionali dovranno darsi da fare per rispondere a tutte le domande di insegnanti e genitori. La deadline è il 25 febbraio, quando formalmente sarà possibile iniziare a fare le prescrizioni, tempo un mese. Per quella data le scuole, in particolare le classi di terza media, dovranno essere pronte a fare informazione e orientamento. Il ministro Gelmini punta ad avere una radiografia dei vari istituti riformati sul territorio, con le relative offerte formative. Perché così sia più facile la scelta. Anche nel caso di iscrizioni che sforano il tetto massimo previsto per una singola scuola e si debbano dirottare gli studenti su altri istituti. La circolare con tutte le indicazioni operative sarà pronta a giorni. Italia Oggi, a partire da questo numero, seguirà le fasi di avvio della riforma passo passo, con una sezione ad hoc all’interno del settimanale della scuola.
    da italiaOggi

I commenti sono chiusi.