attualità, politica italiana

Editoria, i contributi tornano non per radio e giornali minori

Giochi ancora aperti sull’editoria. La proposta di governo e maggioranza salva i giornali solo per il 2009, ma impone costi pesantissimi al sistema radiofonico. Fnsi: è cannibalismo. Pd: lavorare ancora. Oggi il voto conclusivo sulle «milleproroghe»: un emendamento ripristina parzialmente i fondi. Le opposizioni presentano un sub-emendamento. La Fnsi contraria: «È cannibalismo».
Quella dell’editoria resta una battaglia aperta. Il finanziamento alle testate di idee e non profit ha tenuto banco per l’intera giornata alla Camera. Riunioni su riunioni, che hanno fatto slittare per tutto il pomeriggio l’avvio del voto in Aula sul Milleproroghe. Si è lavorato per un emendamento condiviso. Ma in serata si è ottenuto un testo molto rischioso, che apre nuovi problemi. Si capirà oggi, al momento del voto, se nella nottata sono stati fatti ulteriori passi avanti. Per il momento il Pd ha presentato un subemendamento al testo, per correggere le storture introdotte.
DISCRIMINAZIONE
Il relatore, Massimo Polledri (Lega) definisce il testo prodotto da maggioranza e governo «un compromesso più che accettabile tra l’esigenza di fare pulizia in alcune zone grigie salvando però l’occupazione nel settore». In realtà a un dato positivo, cioè il ripristino del diritto soggettivo sul 100% dei fondi relativi al 2009 (che si versano nel 2010), si aggiunge però una drastica discriminazione. Vengono infatti spazzati via le radio, i giornali dei consumatori e quelli degli italiani all’estero. Quanto ai fondi per il 2010 (da versare nel 2011), la situazione attualmente resta quella introdotta con la finanziaria: niente diritto soggettivo è un possibile taglio di risorse tra il 20 e il 40%. Le opposizioni hanno presentato un emendamento che reintroduce radio e giornali esclusi dal finanziamento, mentre in serata si è tenuto un altro lungo confronto per affrontare anche il nodo relativo al 2010: senza diritto soggettivo all’acceso ai fondi, infatti, resta assai complicato redigere i bilanci preventivi.
REAZIONI
La reazione del sindacato dei giornalisti non si è fatta attendere. «Se fossero confermate queste notizie scrive in una nota la Fnsi anziché la soluzione di un problema avremmo un danno con beffa: si tratterebbe infatti della cannibalizzazione ai danni del sistema delle radio private e della stampa per gli italiani all’estero. La grande mobilitazione a favore dei giornali messi a rischio dai tagli dei fondi non può trovare risposta attraverso lo spostamento del danno su un altro settore dell’informazione. Il Governo presti attenzione urgente a non combinare un pasticcio grave. il diritto soggettivo per i giornali non può essere alimentato togliendo i fondi per i rimborsi delle tariffe elettriche e telefoniche e per l’utilizzo delle agenzie di stampa previsti per il sistema radiofonico locale».
Intanto l’Aula ha iniziato a votare le altre parti del provvedimento. È stata sventata, anche questo grazie al pressing delle opposizioni, l’ipotesi dell’ennesima fiducia. Respinta per soli 18 voti la proposta del Pd Pierluigi Mantini che proponeva la certezza per legge della sospensione delle tasse per i lavoratori dipendenti e i pensionati del cratere dell’Aquila. Ancora una volta nulla di fatto per i terremotati. Passa invece all’unanimità la proposta della Pd Manuela Ghizzoni che consente alle Università con i bilanci 2009 in ordine di usare parte delle proprie risorse per nuove assunzioni. «È un’importante vittoria del Pd dichiara Ghizzoni che dimostra che, quando c’è la volontà comune di risolvere i problemi del Paese, in parlamento si possono trovare soluzione condivise che superano gli schieramenti».
L’Unità 24.02.10

2 Commenti

  1. La Redazione dice

    Salvi i fondi per l´editoria tagli solo per radio e tv locali, di ROBERTO PETRINI
    La Camera approva il decreto “milleproroghe” che ripristina i contributi al settore Nel provvedimento sblocco alle assunzioni nelle università con bilanci in regola Tra le sovvenzioni a pioggia, fondi per la città di Padre Pio e per il mercato dei fiori di Sanremo .
    Sì al milleproroghe, ma con il ripristino dei fondi per l´editoria tagliati in Finanziaria. Ieri la Camera ha approvato il decreto legge con 264 voti favorevoli, 227 «no» e 3 astenuti. Ora il testo torna al Senato per un esame flash in vista della scadenza prevista per domenica prossima.
    La questione dei fondi per l´editoria, sulla quale il Pd ha fatto una vera e propria battaglia, è parzialmente risolta: viene ripristinato per il 2009 il «diritto soggettivo» al 100 per cento delle risorse per i giornali di partito, le cooperative e le testate non profit che potranno così accedere al credito bancario per un anno. A subire alcuni tagli sono però le radio e le tv locali e nazionali (circa il 10%), i giornali degli italiani all´estero, i giornali delle associazioni di consumatori, quelli che stampano fuori dall´Ue. «La restituzione del pieno diritto al finanziamento pubblico per 80 giornali – commenta il responsabile comunicazioni del Pd Paolo Gentiloni – è un risultato positivo ma vengono sottratte risorse all´emittenza locale e ad altri mezzi di informazione». Positivo il commento di Franco Siddi, segretario della Fnsi. Mentre il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Paolo Bonaiuti ha annunciato una riforma del settore in autunno.
    Nel decreto, oltre all´editoria entra anche lo sblocco delle assunzioni per le Università con i bilanci in regola. Molte le misure contenute nel decretone, da qualcuno definito una sorta di Finanziaria-bis, che durante l´esame al Senato è lievitato dagli 11 articoli iniziali fino a 16 articoli composti di 150 commi. Nel decreto non mancano le sovvenzioni a pioggia: arriva un milione per la città di Padre Pio e vengono confermati anche i contributi per il mercato dei fiori di Sanremo. Resta anche il condono «elettorale« e preventivo per l´affissione dei manifesti abusivi.
    Nel provvedimento, approvato ieri, anche la riapertura dei termini fino al 30 aprile dello scudo fiscale. E proprio a proposito di scudo, al centro dello scontro sui dati tra Bankitalia e Tesoro, ieri è intervenuto Alberto Fluvi del Pd il quale ha denunciato che «nel 2009, delle oltre 21.000 operazioni sospette segnalate dagli intermediari agli Uffici Finanziari, solo una cinquantina hanno riguardato lo scudo fiscale».

  2. ric. pre. dice

    Eh, si. Senza contributi all’editoria è scomparso dalle edicole il quotidiano “Il Romanista”. Urge una battaglia per consentire al lettore italiano di documentarsi sulle prestazioni della squadra giallorossa!

I commenti sono chiusi.