Giorno: 9 giugno 2010

Scuola, Pd: Pagella elettronica? è norma manifesto, mancano fondi per applicazione

“Il nostro si all’articolo del ddl Brunetta che introduce la pagella elettronica è una sfida all’esecutivo. Vogliamo smascherare il governo che, ancora una volta ,propone una norma manifesto che non potrà essere attuata a causa dei tagli che il governo ha inferto al sistema scolastico”. Lo dichiara la capogruppo del Pd nella commissione Cultura della Camera, Manuela Ghizzoni che sottolinea come il suo gruppo sia “d’accordo in linea di principio con una norma che dovrebbe rendere più agevole e meno costosa la predisposizione delle pagelle. Tuttavia sappiamo con certezza che non potrà essere applicata dalle scuole né essere utilizzata da tutte le famiglie, che ad oggi, solo per metà hanno una connessione internet. Senza risorse per implementare i software – ha continuato Ghizzoni – senza strumentazione adeguata e senza personale di segreteria (i tagli imposti dalla Gelmini hanno decurtato di più di 4.000 posti) come potrà essere applicata questa norma?” – si chiede Ghizzoni. “La situazione della scuola è drammatica – prosegue – e la manovra finanziaria l’aggraverà ulteriormente: non sarà certo la pagella elettronica …

Approvata la Legge sulla dislessia. Soddisfazione dell’On. Ghizzoni, relatrice del provvedimento

La Camera ha approvato all’unanimità la legge sulla dislessia. Ora l’iter della legge prosegue al Senato. Soddisfazione è stata espressa dall’on. Manuela Ghizzoni (Pd), relatrice del provvedimento e presentatrice di una proposta di legge. Ecco la sua dichiarazione. «Esprimo grande soddisfazione per l’approvazione all’unanimità della nuova legge sulla dislessia e sui disturbi specifici d’apprendimento. L’ampia condivisione del testo e il finanziamento di ben 2 milioni di euro per la formazione del personale scolastico sono certamente una buona notizia per le famiglie dei ragazzi con Dsa. Adesso l’iter legislativo proseguirà al Senato dove ci auguriamo si possa arrivare rapidamente all’approvazione definitiva. L’obiettivo è quello di dare risposte a migliaia di bambini con difficoltà specifiche di apprendimento nella lettura, nella scrittura e nel calcolo. Stiamo parlando di una realtà molto numerosa che rappresenta tra il 3 e il 5 per cento degli alunni in età scolare ai quali per troppo tempo è stato precluso, se non contrastato, il diritto allo studio, al successo scolastico e ad un apprendimento appagante. Auspichiamo inoltre che lo stanziamento a favore della …

"La supremazia del cupolone", di Salvatore Settis

Che cosa fare per salvare la campagna romana dalle colate di cemento, dall´assedio delle periferie (che l´etichetta ipocrita di «centralità» non salva dallo squallore e dal degrado)? Il Sindaco Alemanno ha una sua ricetta: per «fermare la crescita a macchia d´olio» occorre «rompere i tabù», abolire l´antico vincolo per cui nulla nel territorio comunale può superare l´altezza della cupola di San Pietro. «Densificare la periferia», costruendo grattacieli «come l´Eurosky dell´Eur, che sarà l´edificio residenziale più alto d´Italia». Anzi, «demolire le periferie e ricostruirle», «densificando»: una Roma di grattacieli «accanto al centro storico più importante al mondo». Diagnosi giusta, ricetta sbagliata. L´orrido urban sprawl che assedia non solo Roma, ma tutte le nostre città, va contrastato mediante nuove politiche dell´abitare, con una gestione del paesaggio conforme alla tradizione (e alla Costituzione), abbattendo e riqualificando. Rivoluzione che non si compie in una notte, ma presupporrebbe il diffondersi di una cultura urbanistica e architettonica meno sgangherata di quella che sta divorando un Bel Paese sempre meno meritevole di tal nome. Richiederebbe il rispetto delle regole, a cominciare da …

"Una rete per far vivere i luoghi dell’antifascismo", di Mirco Zanoni

Da Casa Cervi alla Risiera di San Sabba nasce un collegamento di siti in cui si è svolta la Storia. Per viaggiare dal vivo dentro il ‘900. Il coordinamento dei luoghi della memoria in Italia è una sfida a cui sta lavorando da quasi due anni l’Istituto Alcide Cervi. Una rete di musei, memoriali, percorsi, centri di sensibilizzazione che hanno al centro la storia dell’antifascismo, della Resistenza, della deportazione, della guerra. Non si tratta di luoghi muti, o semplici «pietre dolenti», lapidi di una stagione di sofferenza che ha costellato soprattutto il biennio 1943-45. Al contrario, lo sforzo che si sta mettendo in atto, a partire dalla Casa dei sette fratelli Cervi, è quella di creare una grande sinergia tra luoghi attivi di cultura, didattica, ricerca, turismo consapevole. Un’esperienza non dissimile a quella che è già presente in Paesi come Germania e Francia sugli stessi temi. Andare a memoria è il seminario che si è svolto proprio presso il Museo Cervi di Gattatico (Reggio Emilia) il 4 e 5 giugno, in cui si è sancito …

Scuola, Pd: Maturità? Gelmini fa marcia in dietro, finalmente rinsavisce

“Sarà l’arrivo dell’estate o forse l’avvicinarsi degli esami di maturità, fatto sta che il ministro Gelmini appare finalmente rinsavito e abbandona la tanto sbandierata linea del rigore”. Così le deputate del Pd nella commissione Cultura della Camera Maria Coscia e Manuela Ghizzoni commentano la ‘retromarcia’ del ministro Gelmini sui criteri di ammissioni all’esame di maturità. “Tuttavia – aggiungono – ancora una volta siamo davanti ad una palese retromarcia di un ministro che non perde occasione di fare propaganda sulla pelle dei ragazzi, discreditare gli insegnati, il loro buon senso e le loro capacità di valutazione. La scelta del sei in tutte le materie era una scelta sbagliata. C’è voluto più di un anno perché anche la Gelmini se ne accorgesse – concludono- prendiamo atto di questa sua resipiscenza”:

Demolizioni case in Campania, il governo battuto alla Camera

Decade il decreto che sospende in via temporanea le demolizioni delle case abusive in Campania. L’aula della Camera ha approvato con 249 voti favorevoli e 231 contrari le pregiudiziali di costituzionalità presentate dall’Italia dei valori. Governo battuto per 18 voti. Dopo il voto si è scatenata in aula una baruffa tra i deputati dei vari gruppi. La maggioranza ha contestato alla presidenza di turno, tenuta da Rosy Bindi, di aver chiuso la votazione prima che rientrassero tutti i parlamentari alle loro postazioni. «Non accettiamo la prevaricazione di cui lei si è resa responsabile», ha detto il capogruppo del Pdl Fabrizio Cicchitto rivolgendosi alla Bindi. «Il diritto di votare è per chi è seduto al suo posto. Ho aspettato 51 secondi per chiudere la votazione e, quindi, non ho commesso alcuna irregolarità», ha detto la vicepresidente di turno della Camera, rispondendo ai rilievi della maggioranza che chiedevano la ripetizione della votazione. Bindi ha quindi sospeso la seduta, annunciando che spetta al presidente della Camera, Gianfranco Fini, decidere se convocare o meno la conferenza dei capigruppo. In …

"La cura dimagrante per la scuola: prima tagliare e poi saltare", di Pippo Frisone

Dopo aver tagliato 135 mila posti di lavoro nella scuola statale nel triennio 2009/12 e prima ancora di completare l’opera, con la nuova manovra finanziaria il Governo Berlusconi questa volta prova a mettere con le spalle al muro tutto il personale scolastico. Se con la finanziaria precedente a pagare il conto sono stati e saranno soprattutto i precari , col decreto legge del 25 maggio viene sferrato un durissimo colpo sotto la cintura all’intero corpo docente e ATA con contratto a tempo indeterminato. Salta il rinnovo del contratto- scuola, già scaduto il 31.12.2009 Saltano di conseguenza i nuovi aumenti per tutto il triennio 2010/12 Salta il nuovo indice IPCA, calcolato nel triennio al 5,9% con una perdita media di 1.508 euro Salta l’indennità di vacanza contrattuale la cui erogazione viene spostata al 2012 Saltano col prossimo mese gli aumenti contrattuali eccedenti il 3,2% del biennio 2008/09, con adeguamento automatico in busta paga Saltano gli scatti di anzianità per docenti e ATA per tutto il triennio 2010/12, sterilizzando non solo la carriera ma anche pensioni e …