scuola | formazione

"Se un liceo abolisce i voti bassi. Umiliazione o insegnamento?", di Annachiara Sacchi

Martedì 27 marzo, seduta pomeridiana, il collegio docenti è quasi concluso. Dopo le solite discussioni, il piano di offerta formativa, i programmi e i precari, il preside — siamo al liceo classico Berchet, storico istituto milanese con decine di diplomati eccellenti, da Luchino Visconti ad Andrea De Carlo fino a Giuliano Pisapia — lancia la proposta: «Vorrei escludere, in sede di scrutinio, i voti inferiori al 4. I due e i tre creano troppa frustrazione nei ragazzi. Che cosa ne pensate?». I professori ammutoliscono. Poi, superato lo choc, cominciano a discutere. Ma è troppo difficile dire sì o no subito. «Ne riparliamo dopo Pasqua».
Punire con un due chi non termina la versione di latino o dare un quattro che non lasci troppe ferite? Rimandare con un tre (quasi una condanna a ripetere l’anno) o limitarsi a un’insufficienza più digeribile? Il votaccio fa solo male o fa crescere? Dibattito che divide. E divisi sono gli insegnanti del liceo di via Commenda — il primo dei classici statali nella classifica milanese della Fondazione Agnelli — dopo la proposta di Innocente Pessina, dirigente storico che crede nell’«educare senza punire», che non si è mai vantato — anzi — dei troppi ragazzi che lasciano il ginnasio «perché non ce la fanno», che ha sempre sostenuto la necessità di valutare anche i docenti, preside compreso.
L’arringa di Pessina raccontata da chi c’era: «Ho visto troppi ragazzi andare in crisi per una raffica di due. Alcuni smettono di mangiare, altri abbandonano la scuola distrutti. Sì, sono diversi da come eravamo noi. Cerchiamo di capirli».
Mai meno di 4 in pagella. Proposta choc. Messa ai voti durante il collegio dei docenti della scorsa settimana. Tra favorevoli e contrari ha prevalso la terza via: decisione rinviata alla prossima riunione. Meglio aspettare. Anche se tra gli insegnanti una discreta parte sembra contraria. «Prima di tutto — avverte una docente — la norma dice che i voti vanno dall’uno al dieci. Secondo: il giudizio in sede di scrutinio è espresso dal consiglio di classe, non dal singolo prof. Terzo, dire che in questo modo si riduce la depressione dei ragazzi è un alibi». Prosegue un collega: «La frustrazione è un’esperienza che va fatta proprio da adolescenti. In realtà il problema sono gli adulti».
I genitori, appunto. Spesso accusati di esagerare nel proteggere i loro «cuccioli», di delegare alla scuola tutto il «pacchetto educativo», di essere troppo presenti o assenti. Attacca una professoressa: «I ragazzi non vogliono soluzioni edulcorate. Il problema sono gli adulti e la loro incapacità di giustificare un giudizio severo». Sentenza a difesa del dirigente: «Noi docenti dobbiamo cambiare. E sforzarci di accompagnare i giovani nel loro difficile percorso di crescita».
Rimpallo di responsabilità. E controproposta della fazione che non accetta lo «sbarramento del 4»: «Invece di fare la campagna del voto al ribasso, ripensiamo ai valori dall’uno al dieci». Tesi dei «pessiniani» che difendono la posizione del dirigente: «Inutile accanirsi. Che senso ha umiliare gli studenti con un 2– (due meno meno)?».
Il valore di un numero. E le conseguenze sui minorenni. Alessandro Generali, ex berchettiano, fino allo scorso giugno rappresentante nel consiglio di istituto e ora consigliere del movimento «Milano Civica» (il popolo arancione vicino al sindaco Pisapia), commenta: «Dare quattro al posto di due a chi ha presentato un compito praticamente inclassificabile non risolve il problema della preparazione dello studente. Al contrario, lo illude semplicemente di essere in una condizione diversa da quella in cui realmente si trova».
Troppa indulgenza può far male, insiste l’ex allievo. Ma c’è un altro aspetto, comune a molte scuole, che Generali sottolinea: «Mi pare che il problema maggiore non siano i voti troppo bassi, ma la mancanza di omogeneità ed equità nelle valutazioni: è un classico, a parte rare e benemerite eccezioni, che i giudizi più generosi siano riservati agli studenti che rafforzano gli insegnanti nel loro ruolo, approvandone metodi e punti di vista. Trattamento opposto, invece, tocca a chi mantiene la propria libertà di giudizio e non si presta a un simile gioco». Esperienza diretta? Il ragazzo sorride: «Certamente».

Il Corriere della Sera 07.04.12

2 Commenti

  1. silvana 52 dice

    I voti da attribuire agli alunni vanno da 1 a 10, a ciascuno il suo!

  2. V.P. dice

    e c’è chi vorrebbe affidare ai presidi – a questi presidi! – la scelta dei docenti tramite “chiamata diretta”.

I commenti sono chiusi.