attualità, cultura

"Quel «no» alla speculazione che costa 200 milioni", di Gian Antonio Stella

A Siracusa l’isolamento istituzionale di chi fa solo il suo dovere di tutela di un bene unico dall’imbecillità altrui. Dovrebbero lavorare 2.222 anni Rosa Lanteri e i suoi due colleghi della Soprintendenza di Siracusa, per pagare i danni che vengono loro chiesti per aver fatto il proprio dovere. Cioè preteso d’applicare la legge che vieta di cementificare il Porto Grande ricordato dagli scrittori dell’antichità. E lo Stato che fa? Invece che dare loro una medaglia d’oro fa impazzire quei suoi servitori tra le scartoffie. Senza precipitarsi a difenderli.

Il decreto pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana del 30 settembre 1988 è chiarissimo fin dal titolo: «Dichiarazione di notevole interesse pubblico del bacino del Porto Grande e altre aree di Siracusa». Vi si dice che «constatato che lungo la costa che dal Castello Maniace va sino alla punta della Mola si gode lo spettacolo affascinante di Ortigia, dello stesso Castello Maniace, dello scosceso Plemmirio, e da lì la foce dei fiumi Ciane e Anapo e l’area delle Saline di Siracusa, il tutto dominato, sullo sfondo, dall’altopiano dell’Epipoli su cui si erge la fortezza del Castello Eurialo con la cinta delle Mura Dionigiane» e che «lo spettacolo di mare costituente l’insenatura portuale, oltre ad essere ricordato da Tucidide a Diodoro a Cicerone, è stato teatro di avvenimenti di fondamentale importanza»: il bacino è «un insieme unico al mondo». E va dunque vincolato. Dubbi interpretativi? Zero.

Tutte le zone nevralgiche di quella che è stata probabilmente la più importante città della Magna Grecia dovrebbero stare a cuore agli amministratori. Basti ricordare che già nel 1947 il soprintendente alle antichità Bernabò Brea ammoniva che il turismo dovrebbe essere «la maggiore risorsa economica di Siracusa. La cura della propria bellezza, il rispetto e la valorizzazione dei propri monumenti non sono quindi per Siracusa solo un lusso o l’adempimento di un dovere verso la cultura, ma un’intima ragione di vita e di benessere, anche dal punto di vista economico».Parole al vento. Per decenni il territorio è stato preso d’assalto dalla speculazione più insensata. Non solo nella parte nord dell’Ortigia, dove è tutto un ammasso di capannoni e ipermercati. Ma fin dentro la grandiosa cinta muraria di 21 chilometri fatta costruire dal tiranno Dioniso I, che secondo Diodoro impiegò sessantamila contadini e si spinse ad affiancarli nei lavori più pesanti così che «il muro fu terminato, al di là di ogni speranza, in 20 giorni».

In un paese serio, in una città seria, quelle mura sarebbero sacre e intoccabili. Tanto più che il Castello Eurialo che domina Siracusa è l’unica fortezza di quel periodo esistente al mondo. E invece? Invece, come denunciano Italia Nostra, Wwf, Legambiente, «Energie nuove» e mille altre associazioni che si riconoscono in «SoS Siracusa» guidata da Enzo Maiorca, hanno costruito dappertutto minando seriamente il Parco delle Mura Dionigiane. Villette a schiera sulla balza della Neapolis. Un centro commerciale ai piedi del castello. Un progetto per 840 alloggi di edilizia popolare in contrada Tremilia…

Tutti edifici tirati su in aree, sulla carta, di rispetto. Sul giornale «La Civetta» Marina De Michele ha denunciato la costruzione di una villetta (autorizzata, pare!) perfino dentro una «latomia», cioè un’antica cava teoricamente protetta. Per non dire di un progetto di lottizzazione alla Pirillina, un magnifico tratto di costa a sud, dove gli ambientalisti tra i quali c’è don Rosario Lo Bello, un prete cugino di Ivanhoe, il leader degli industriali protagonista della svolta nella guerra alla mafia, lottano contro la costruzione di un mega villaggio turistico di 80 mila metri cubi di cemento. Bloccato (per ora) dal vincolo provvisorio che riconosce la necessità di una riserva naturale.

Ma torniamo al Porto Grande. I porti turistici previsti sono in realtà due. Il primo, in fase di realizzazione, si sviluppa a partire dal già esistente Molo sant’Antonio, si chiama «Marina di Archimede» (ogni speculazione è meno vistosa con un nome poetico: c’est plus facile), ha dietro Francesco Caltagirone Bellavista, già finito in manette per il porto a Imperia e, dice il sito web, «prevede opere a terra per 49.467 mq e opere a mare su una superficie di oltre 97.000 mq» per 500 posti barca. Il secondo si chiama «Marina di Siracusa», ha dietro il gruppo Di Stefano, e allargandosi in mare perfino con un’isola artificiale di 40 mila metri quadri a partire dai ruderi di una fabbrica per la spremitura di olio, la «Spero», vorrebbe offrire ai suoi clienti anche 54 appartamenti.

La legge che vincola lo specchio d’acqua, prima citata, è chiara: manco a parlarne. Eppure, miracolo miracoloso, sia il primo sia il secondo porto sono riusciti ad avere qualche anno fa il via libera della allora soprintendente Mariella Muti, moglie dell’architetto Amilcare la Corte, progettista e direttore lavori di una edificazione sulla Balza di Acradina, lavori bloccati perché l’area è sotto vincolo paesaggistico. Quella della Muti è una storia esemplare: il 10 dicembre 2010, dopo aver dato l’ok anche al piano regolatore che prevedeva una zona di concentrazione volumetrica sul pianoro dell’Epipoli (dove c’è l’«inedificabilità assoluta»), se ne andò in pensione a 55 anni grazie alla legge 104 perché doveva accudire la madre malata. Cinque giorni dopo giurava come assessore comunale alla cultura del municipio sul quale per 7 anni aveva «vigilato». Pazzesco? Ma no, spiegò a Panorama: «Fare l’assessore non è poi così impegnativo».

Fatto sta che, fuori lei, il Dirigente generale dei beni culturali siciliani Gesualdo Campo si è messo di traverso con una nota durissima ai lavori e ai progetti in corso ricordando che non c’è deroga che possa consentire nuove strutture ricettive entro la fascia di 150 metri dalla battigia. Il che ha convinto «Aquamarcia» a fermarsi per capire meglio. Quanto all’altro porto, i nuovi dirigenti della Soprintendenza Rosa Lanteri (archeologia), Alessandra Trigilia (paesaggio) e Aldo Spataro (beni architettonici) hanno chiesto la revoca della concessione mettendo paletti rigidissimi.

Il verbale della conferenza dei servizi del gennaio scorso è netto. No al progetto perché «rispetto all’intervento principale, ovvero la realizzazione di un porto turistico, la prevalenza delle opere previste (vi è anche una piscina) è evidentemente l’edilizia». E poi no perché il porto ha «un parcheggio multipiano» e «ricade nella buffer zone» dell’Unesco e «non c’è alcuno studio del rischio tsunami» e altererebbe «lo sky-line della città» e via così … Tutte obiezioni basate sulla legge. Fatte invocando la legge. In nome dello Stato.La risposta? Un ricorso al Tar con la richiesta di condannare i tre funzionari a pagare 200 milioni di euro di danni. Pari appunto, per Rosa Litari e gli altri due, a quanto guadagnerebbero in 2.222 anni. Della serie: guai a te. E lo Stato? Non sarebbe il caso che battesse un colpo ai livelli più alti?

Il Corriere della Sera 09.06.12

2 Commenti

  1. ERRATA CORRIGE.

    <>Da cittadino comune siracusano, credo che le mezze verità non siano mai esistite e tantomeno vi siano imprenditori stranieri disponibili a fare scempio delle città storiche altrui saccheggiandone i pochi restanti pezzi di dignità storica. La cosa gravissima che emerge palesemente dai fatti citati nell’articolo del Corriere della sera è il presunto ( o evidente?) connubio tra poteri forti, politica ed apparati dello stato. Facendo una semplice e banale equazione : se ‘IO’ DIPENDENTE dello stato faccio di tutto per applicare LE LEGGI DEL MIO DATORE DI LAVORO (violate già da chi prima di me avrebbe dovuto farle rispettare), per questo mio atto di dovere LO STESSO DATORE DI LAVORO MI CONDANNA a risarcire chi viola QUELLE SUE leggi , si evince e ci si accorge solo oggi che SOCIALMENTE , POLITICAMENTE E GIURIDICAMENTE QUALCOSA NON QUADRAVA GIA’ DA TEMPO!… A noi cittadini comuni ( sempre in ritardo nell’afferrare il senso delle cose – spesso per la loro inintelligibilità) per capire meglio un’altra eventuale “mezza verità” e come siamo messi costituzionalmente, non ci resta che attendere, se vi sia stato ricorso, il parere del Consiglio di Stato.

  2. Da cittadino comune siracusano, credo che le mezze verità non siano mai esistite e tantomeno vi siano imprenditori stranieri disponibili a fare scempio delle città storiche altrui saccheggiandone pezzi di dignità dell’umanità. La cosa gravissima che emerge palesemente dai fatti citati nell’articolo del <> è il presunto ( o evidente?) connubio tra poteri forti, politica ed apparati dello stato. Facendo una semplice e banale equazione : se ‘IO’ DIPENDENTE dello stato, faccio di tutto per applicare LE LEGGI DEL MIO DATORE DI LAVORO (violate già da chi prima di me avrebbe dovuto farle rispettare) e per questo IL MIO STESSO DATORE DI LAVORO MI CONDANNA a risarcire chi viola LE SUE LEGGI da me difese, si evince e ci si accorge solo oggi che SOCIALMENTE , POLITICAMENTE E GIURIDICAMENTE QUALCOSA NON QUADRAVA PIU’ DA TEMPO!… A noi cittadini comuni ( sempre in ritardo nell’afferrare il senso delle cose – spesso per la loro inintelligibilità) per capire meglio un’altra eventuale “mezza verità” e come siamo messi costituzionalmente, non ci resta che attendere, se c’è stato ricorso, il parere del Consiglio di Stato.

I commenti sono chiusi.