Giorno: 16 ottobre 2009

Liberiamo il futuro, insieme

A Carpi, mercoledì 21 ottobre alle 21 presso il circolo PD del centro storico (via Paolo Guaitoli), i candidati e i sostenitori delle mozioni Franceschini – Bastico alle primarie del PD del 25 ottobre incontrano le associazioni di volontariato, gli operatori della sanità e del sociale e il mondo della scuola.

Carpi, presentazione dei candidati delle mozioni Franceschini-Bastico alle primarie del 25 ottobre

Domenica 18 ottobre alle 16, di fronte al municipio di Carpi, i comitati Franceschini – Bastico presentano ai cittadini i candidati alle primarie del 25 ottobre per l’assemblea nazione e regionale del Pd all’interno delle liste “Democratici per Franceshini” e “Semplicemente Democratici”: la parlamentare e capogruppo Pd in commissione cultura alla Camera Manuela Ghizzoni, il consigliere provinciale Marc’Aurelio Santi, le consigliere comunali di Carpi Daniela Depietri e Viola Baisi, l’assessore all’urbanistica del comune di Carpi Simone Tosi e l’imprenditrice Agnese Aldrovandi.

“Primarie Pd, il confronto fra i candidati in diretta”, di Mariagrazia Gerina

Invocato, evitato, rimandato. Discusso fino ai minimi dettagli dai rispettivi spin-doctor (Gentiloni per Franceschini, Carlo Rognoni per Marino e Stefano Di Traglia per Bersani). E alla fine, lasciato un po’ briglia sciolto. Eccolo: il confronto. Novanta minuti per duellare, convincere, inchiodare l’avversario. Le telecamere di Youdem sono già puntate sui tre candidati alla segreteria del Pd, Pier Luigi Bersani, Dario Franceschini, Ignazio Marino. E non è ancora detto che ci siano repliche. Di inviti ne sono piovuti da tutte le parti. Da Matrix, Ballarò, Porta a Porta. Si vedrà. Il dibattito tra i tre candidati alla segreteria del Pd, svoltosi questo pomeriggio a Roma, è disponibile sul sito www.youdem.tv ed in replica questa sera su YouDem Tv Canale 813 Sky Ore 16.55 “Votateci, aiutateci a fare bene il nostro lavoro che è costruire una società più giusta”, dice Bersani. “Questo congresso ci ha fatto un gran bene. C’è molta delusione, di ragioni ne abbiamo date tante, ma il 25 è una giornata importante, se non verrete a votare sarà contento Berlusconi”, recita l’appello di Franceschini. …

“Sono i figli e non i padri a perdere il lavoro per la crisi”, di L.L.G.

ROMA I figli, più che i padri, perdono il lavoro a causa della crisi. Per 4O4mila unità di lavoro perdute da parte dei giovani, il calo occupazionale dei genitori si è limitato nel secondo trimestre 2009 a 152mila unità. Lo ha rivelato il presidente dell’Istat, Enrico Giovannini, parlando alle commissioni Bilancio di Camera e Senato. I genitori che perdono il lavoro, ha proseguito Giovannini, sono per lo più lavoratori autonomi che vivono al Sud. Il saldo occupazionale è invece positivo per le famiglie di un solo componente (spesso stranieri o italiani ultracinquantenni) e per le donne, anche in questo caso in gran parte straniere, occupate nei servizi alle famiglie. La recessione internazionale, ha detto ancora Giovannini, è probabilmente finita la scorsa estate, anche se non mancano le incertezze sul punto di svolta. In Italia, però, i settori in evoluzione positiva superano il 50% nel trimestre giugno-agosto: buon segno per un progressivo irrobustimento della ripresa. Male invece i conti pubblici: l’Istat ravvisa il rischio che il debito pubblico, già elevatissimo, finisca per autoalimentarsi in una sorta …

“Meno inglese, più italiano così cambia la scuola superiore”, di Salvo Intravaia

Meno Latino e Filosofia allo scientifico, meno ore di Lingua straniera in quasi tutti gli indirizzi, più italiano negli istituti tecnici e professionali. La riforma degli istituti superiori è ai nastri di partenza. Tra poche settimane (le iscrizioni andranno presentate entro fine febbraio 2010) circa 500 mila ragazzini di terza media si ritroveranno a fare la scelta più importante della loro vita scolastica. E a viale Trastevere fervono i preparativi per la campagna di informazione che nei prossimi giorni raggiungerà genitori e figli ancora all´oscuro di quadri orario e materie su cui dovranno cimentarsi dal prossimo anno scolastico. Dopo le proteste dei mesi scorsi e i confronti – spesso tumultuosi – con i rappresentanti di categoria, i regolamenti che metteranno ordine nella giungla dell´istruzione superiore italiana sono pronti. Al posto degli oltre 800 indirizzi sperimentali attualmente funzionanti in Italia i ragazzini dovranno districarsi fra 27 opzioni: 10 licei, 11 istituti tecnici e 6 istituti professionali. Ma cosa c´è nel futuro scolastico di coloro che studieranno nella scuola riformata? Meno ore di lezione e meno materie …

“Cinque per mille: Tremonti alla carica con lo ‘scudo fiscale'”, di Giorgio Beretta

Oltre il danno le beffe. Non solo il Governo italiano con la Finanziaria 2010 intende tagliare ulteriormente gli aiuti ai Paesi poveri riducendoli al minimo storico degli ultimi 13 anni, ma sta facendo anche sparire la possibilità per i contribuenti di elargire alle Onlus e Ong il 5 per mille. Lo hanno denunciato ieri le associazioni del Cini. “Lo strumento del 5 per mille da destinarsi alle Ong e Onlus è sparito da questa Finanziaria e non si hanno notizie neppure dei fondi del 5 per mille destinati dai contribuenti nel 2007”. Nei giorni scorsi, infatti, Federconsumatori e Adusbef annunciavano con non poco stupore che – dal CUD 2010 è sparita la voce che dava la possibilità al contribuente di scegliere a chi destinare il 5 per mille. Ma le beffe non finiscono qui. Le sorti del 5 per mille sono infatti legate agli (eventuali) fondi che arriveranno dallo scudo fiscale. Lo conferma il comunicato diffuso ieri in serata dall’Agenzia delle Entrate, dopo che dalla bozza del Cud 2010, pubblicata il 6 ottobre, era stato …