attualità

“Governo, tutti contro tutti. Il Pd: stanno esplodendo”, di Ninni Andriolo

Un battello alla deriva, si cerca di chiudere una falla e se ne apre un’altra. Il governo naviga a vista, mentre il comandante impegna le sue energie per cavarsi dagli impicci giudiziari che lo investono. Più di un ministro sembra sull’orlo di una crisi di nervi. Altro che “maggioranza solida” e legislatura che non è a rischio. Il Corriere di ieri dava conto dell’attacco all’arma bianca di Renato Brunetta a Giulio Tremonti. “E’ ora di cambiare passo – si sfogava il ministro della Pubblica Amministrazione – Tremonti esercita veti ciechi e conservatori sull’attività di tutti noi: ha praticamente commissariato l’esecutivo”. Che i rapporti tra Brunetta e il super titolare dell’Economia non siano idilliaci lo sanno anche i bambini. Il 13 novembre scorso, durante la seduta del Consiglio, “Giulio” minacciò di prendere a “calci nel sedere” il collega di governo.

SCORTESIE
Ma qui i rapporti personali, come “le scortesie”, c’entrano e non c’entrano, con buona pace di Maurizio Sacconi che cerca di gettare acqua sul fuoco con un eloquente “chi se ne frega delle liti Tremonti-Brunetta”.
Per dirla con Rosi Bindi, in realtà, Berlusconi “non è più in grado di esercitare una premiership”. Altro che “coesione della maggioranza”, commenta Casini. Mentre il Pd Damiano ironizza sulla “maionese impazzita” del centrodestra. Il vero nodo del contendere, in realtà, è la politica economica dell’esecutivo, con il nervosismo dei ministri costretti a tirare la cinghia. “Lui ha fatto benissimo il signor no durante la crisi – spiega Brunetta, parlando di Tremonti – Ora deve fare il signor sviluppo assieme a tutti gli altri”. Il ministro si fa paladino degli umori dei colleghi e fa capire che anche il Cavaliere la pensa come lui. Ma rimane con il cerino in mano a leggere le dichiarazioni pro-Tremonti dei diversi reparti della maggioranza. Il fatto è che prima di spostarsi dall’Arabia in Quatar – dopo un giro di telefonate con Roma e le proteste di Tremonti che tornava a minacciare le dimissioni attraverso Gianni Letta – il premier si metteva in contatto con il super ministro per annunciargli una presa di distanze da Brunetta.
«La linea di politica economica fondata sul criterio della disciplina di bilancio e seguita dal ministro dell’Economia – spiegava il sottosegretario, Paolo Bonaiuti – è ispirata dal Presidente del Consiglio e seguita dall’intero governo». Poche parole, un’altra toppa, l’ennesimo tentativo di non riaprire la contesa anche con la Lega di Bossi che – ricordiamolo – scese in campo direttamente per difendere Tremonti bersagliato dal fuoco amico Pdl che ne chiedeva la testa. E che annusava, tra l’altro, l’insofferenza del capo del governo nei confronti di “Giulio” poco disposto ad assecondare gli annunci sul taglio delle tasse.
La polvere fu messa sotto il tappeto con un armistizio siglato ad Arcore. Berlusconi cercò di placare i suoi bollori e quelli degli scontenti facendo intendere che aveva commissariato Tremonti e assicurando che il rigore sarebbe stato coniugato con lo sviluppo. Da allora, però, tutto è tornato come prima e il premier, impegnato giorno e notte per disinnescare i processi che lo riguardano, ha lasciato briglia sciolte su tutto ciò che non riguarda
la giustizia. L’attacco di Brunetta a Tremonti, per dirla tutta, appare come un richiamo pressante al premier, prima che al super ministro.
L’appello è alla collegialità sulla «politica economica del governo».
Le dichiarazioni di Brunetta, per il tempismo di un’esplosione che smentisce le rassicurazioni sulla concordia ritrovata nella maggioranza, non sono piaciute per nulla a Berlusconi. Che, sempre ieri, dall’Arabia, ha cercato di disinnescare un’altra mina, smentendo che al ministro Alfano sia stato prospettato il dimissionamento qualora i tempi del «processo breve» si dilatassero. «Una totale e assoluta falsità», spiega Palazzo Chigi. Ma la grana più grossa è l’ira di Tremonti.
E non è un caso se ieri, dopo la solidarietà del premier, il ministro del Tesoro ha incassato quelle di La Russa, Bondi, Matteoli, Ronchi, Calderoli e Maroni. Mentre il solito Capezzone, cercando di conciliare il diavolo con l’acqua santa, dopo le proteste di Brunetta lasciato solo a menar fendenti, se l’è cavata con un salomonico riferimento agli italiani che «devono essere grati » sia a Tremonti che a Brunetta.

L’Unità, 23 novembre 2009

1 Commento

  1. Giulio dice

    Buongiorno a tutti,

    volevo segnalarvi questo articolo trovato su dazebebao.org

    “Brunetta: ‘Tremonti, una iattura!’. Maggioranza oramai allo sbando”
    All’ultimo consiglio dei ministri hanno battibeccato, fin quasi ad insultarsi. Tremonti e Brunetta, il superministro e il ministrino affetto da furore antifannulloni. L’uno lo specchio dell’altro: Giulio, il pervicace custode di una politica economica basata sull’inazione (vi ricordate la gag di Corrado Guzzanti su Prodi? “Fermo, io non mi muovo, rimango fermo!”; ecco, quello ora è Tremonti); Brunetta, l’ipercinetico, vanesio, guascone riformatore della pubblica amministrazione. Alla fine della riunione, il piccolino si è avvicinato a Tremonti per fare la pace ma è stato apostrofato in malo modo: “Se non te ne vai ti prendo a calci in culo”.

    Oramai sono alla frutta e non mancano occasione di mostrarlo al popolo. Forse hanno fatto la pensata che un governo litigarello susciti ammirazione ma certo è che questa maggioranza oramai sembra un’armata Brancaleone allo sbaraglio, incapace di prendere qualsiasi decisione seria. Ripensando ai sarcasmi sulla rissosità del Governo Prodi, con i deputati del Pdl intenti a mangiare mortadella, ora viene il sospetto che il salume li stia facendo strozzare.

    Ieri il ministrino non ha mancato l’occasione per gridare ancora contro il titolare di via XX settembre. «Il ministro Tremonti esercita un potere di veto sulle iniziative di tutti i ministri. Un blocco cieco, cupo, conservatore, indistinto» ha dichiarato con il ciuffo sempre più ribelle. «Il Tesoro – ha aggiunto – esercita un egemonismo leonino, opaco, autoreferenziale. Una iattura. E lo dico convinto di interpretare lo spirito dell’intero governo».

    Sono l’un contro l’altro armati, con il premier che, secondo “Repubblica”, ad un ministro Alfano che si mostra perplesso sulla possibilità di presentare addirittura un decreto legge per introdurre il processo breve, dice: “Tu forse non hai capito l’importanza della questione che stiamo affrontando. O noi risolviamo questo problema subito, oppure tu te ne vai, perché sappi che ci sono molti altri che possono fare il ministro della Giustizia al posto tuo”. Alfano deve aver sbattuto i tacchi, rimettendosi mestamente a sedere in un cantuccio.

    Nel frattempo, Gianfranco Fini aveva dato degli “stronzi” ai leghisti e questi avevano ribattuto “Stronzo tu!”. Un aplomb istituzionale formidabile, una maggioranza che oramai si insulta e nella quale forse qualcuno sta già pensando di passare alle maniere spicce. In confronto, quella di Prodi era un esercito di ussari pronti a morire piuttosto che a tradire. Come direbbe Emilio Fede, “Che figura di merda!”.

    Fulloc

I commenti sono chiusi.