politica italiana

"Un milione alle urne per 40 ballottaggi", di Mariagrazia Gerina

Tutto è buono per battere la Lega. Si sono messi con l’estrema destra e l’estrema sinistra. Ma la Lega va», grida, con tono vittimista, il senatùr, accorso a Vigevano. In «trincea», accanto al candidato leghista, Andrea Sala (33% al primo turno), che dovrà vedersela con il fronte anti-leghista più vasto d’Italia. Dall’ex sindaco del Pci Carlo Santagostino (al primo turno alla guida della lista Civiltà vigevanese, appoggiato da Pd e Idv, ha incassato il 15%), a Vigevano futurista, lista di estrema destra, passando per i Verdi e la Dc. Tutti schierati al secondo turno con il candidato del Pdl, Antonio Prati (28% al primo turno). Per arrestare l’avanzata dela Lega.

Il partito di Bossi, uscito vincitore dalle elezioni regionali, però, non vuole cedere un metro all’avversario, deciso a giocare, laddove ci siano ancora in campo dei candidati leghisti, anche la partita del secondo turno, come se fosse la sfida decisiva. E se il leader del Carroccio “vola” accanto ad Andrea Sala, il ministro dell’Interno corre nel trevigiano, a Castelfranco, a promettere, accanto al candidato leghista Luciano Dussin che con il federalismo sarà spazzato via anche l’odiato patto di stabilità. A fermare la Lega in quel di Castelfranco si prova la candidata civica Donata Sartor, insegnante dell’istituto agrario cittadino, che per il secondo turno è riuscita ad allargare il fronte dal Pd all’Udc (3% al primo turno).

Sono più di un milione in tutto gli elettori chiamati a decidere al ballottaggio il risultato elettorale. Si vota domani (dalle 8 alle 22) e lunedì (dalle 7 alle 15) in 41 i Comuni della penisola. E il convitato di pietra, ancor più che al primo turno, sarà l’astensionismo.
Riflettori puntati soprattutto sui quattro capoluoghi di provincia che vanno al voto: Macerata, Mantova, Matera e Vibo Valentia.

In tutte e quattro le città capoluogo è in testa il candidato di centrosinistra. A Matera, Salvatore Adduce, con il 48,46% dei consensi, è già a un passo dalla meta. Nella città lucana il centrodestra si è presentato profondamente diviso, dopo le dimissioni del sindaco uscente Nicola Buccico (Pdl), che a novembre hanno portato al commissariamento del comune. Adduce aveva al suo fianco già dal primo turno una coalizione che va dall’Udc alla sinistra e ai Verdi, il suo rivale Angelo Raffaele Tosto, fermo al 26,23%, dovrà recuperare il 14,57% andato al candidato del Pdl, che ha corso da solo.

A Macerata il candidato del centrosinistra, Romano Carancini punta a raccogliere il testimone dall’uscente Giorgio Meschini: al primo turno ha convinto il 45,97% dei suoi concittadini, dovrà vedersela Fabio Pistarelli, che parte dal 41,1% e mette insieme Pdl e Udc. Una sfida che sarà in gran parte decisa dalla partecipazione al voto della sinistra visto che il Pd, primo partito con il 23,9%, è risultato di poco superiore al Pdl (23,2%), mentre la lista che unisce Rifondazione comunista, Sinistra europea e Comunisti italiani ha raccolto il 7,3% dei voti.

Nel capoluogo calabrese, il candidato del centrosinistra, Nicola Soriano (Pd), è risultato il più votato, con il 41,11%, ma l’appoggio del centrista Antonino Daffinà (quasi al 25% al primo turno) e di una civica che vale oltre il 5%, potrebbe ribaltare l’esito della prima tornata elettorale a vantaggio del candidato del Pdl, Nicola D’Agostino, che al secondo turno, appunto, ha incassato l’accordo con l’Udc.
L’Unità 10.04.10

1 Commento

  1. La Redazione dice

    da http://www.partitodemocratico.it

    Ballottaggi, un milione alle urne. Si vota in 41 città tra cui 4 capoluoghi di provincia: Macerata, Mantova, Matera e Vibo Valentia.
    Bersani a Mantova: “E’ un voto politico, il centrosinistra è forza del territorio”.
    Domenica 11 aprile dalle 8 alle 22 e lunedì dalle 7 alle 15 in 41 Comuni sono più di un milione gli italiani chiamati a decidere al ballottaggio il risultato elettorale, che riguarderà anche 4 capoluoghi di provincia Macerata.

    In tutte e quattro le città capoluogo è in testa il candidato sosetnuto dal PD e dal centrosinistra. Nel capoluogo calabrese, il candidato del centrosinistra, Nicola Soriano (Pd), è risultato il più votato, con il 41,11%.
    A Matera, Salvatore Adduce per il PD ha raggiunto al primo turno il 48,46% dei consensi. Nella città lucana il centrodestra si è presentato profondamente diviso, dopo le dimissioni del sindaco uscente Nicola Buccico (Pdl), che a novembre hanno portato al commissariamento del comune. Adduce aveva al suo fianco già dal primo turno una coalizione che va dall’Udc alla sinistra e ai Verdi, il suo rivale Angelo Raffaele Tosto, fermo al 26,23%, dovrà recuperare il 14,57% andato al candidato del Pdl, che ha corso da solo.

    A Macerata il candidato del centrosinistra, Romano Carancini punta a raccogliere il testimone dall’uscente Giorgio Meschini: al primo turno ha convinto il 45,97% dei suoi concittadini, dovrà vedersela Fabio Pistarelli, che parte dal 41,1% e mette insieme Pdl e Udc.

    A Mantova va al ballottaggio Fiorenza Brioni, 54 anni, sindaco uscente del Pd, appoggiata da Pd-riformisti, “Insieme per Brioni”, Sinistra unita (Rifondazione e Pdci) e Italia dei valori. Anche l’Udc la appoggerà al secondo turno.

    Alla manifestazione di chiusura della campagna elettorale della Brioni è intervenuto il segretario del PD, Pier Luigi Bersani: “Il voto di domenica e lunedì a Mantova per il sindaco non è solo amministrativo ma è politico. Abbiamo bisogno di dimostrare che il centrosinistra è forza del territorio. Abbiamo alle spalle una vicenda elettorale che non è stata raccontata giusta. È vero, c’è stata delusione per aver perso per pochi voti due regioni importanti, ma noi e la Lega siamo stati gli unici partiti, rispetto alle Europee, a crescere, anche se noi di poco. Anche in una regione difficile come la Lombardia, alle comunali, abbiamo detto la nostra. A Lecco e a Lodi gli abbiamo dato una suonata micidiale – ha detto riferendosi alle sconfitte al primo turno dei candidati del centrodestra – e da Venezia Brunetta è dovuto ritornare a Roma. Noi, invece, vi vogliamo dimostrare che a Mantova e anche nella altre città dove si vota per il ballottaggio, il centrosinistra è in campo e in condizioni di grande vitalità”.

I commenti sono chiusi.